Educazione della mente

L'educazione della mente

DISCIPLINE OLISTICHE

Il lavoro dell’operatore olistico è portare la persona a comprendere i meccanismi di funzionamento dell’inscindibile sistema corpo - emozioni - pensieri e creare, attraverso consigli e trattamenti specifici, uno stato di benessere.

Bisogna integrare i saperi, bisogna saper essere a più livelli: fisico, emozionale, energetico, mentale e per chi ci crede spirituale.

Un disturbo può nascere a qualsiasi livello e coinvolgere più o meno fortemente tutti gli altri.

 

Le pratiche olistiche sono un valido aiuto ed un rimedio naturale ai numerosi e frequenti fastidi della vita quotidiana come dolori derivanti da posture scorretteansiastati di stress o apatia. Hanno effetto drenante e disintossicante.

Esse riguardano l’alimentazione, la respirazione, il rilassamento, il movimento, la meditazione, il massaggio, la fitoterapia.

L’obiettivo finale è di avere più consapevolezza di sé, del proprio corpo e delle proprie emozioni, elemento essenziale per la reale prevenzione, il mantenimento o il ripristino di un completo stato di salute (equilibrio psico-fisico-relazionale).

L'ENNEAGRAMMA

Questa misteriosa figura a nove punte detta enneagramma, dal greco Enea( nove) e gramma(segno) è legata in maniera imprescindibile a colui che l'ha resa nota al mondo occidentale G.I.Gurdjieff.
Nato nel 1872 (?) ad Alessandro Poli nella Russia meridionale, fu educato da prima alla grande tradizione orale proprio delle regioni a sud del Caucaso poi a rigorosi studi scientifici e ad una profonda educazione religiosa da sacerdoti Armeni. Viaggiò a lungo in Europa, Africa, Medio Oriente, Asia Centrale per raccogliere i frammenti sparsi delle Antiche Tradizioni di saggezza. Dedicò il resto della sua vita a ricostruire organicamente la conoscenza della verità perduta e a trasmetterla agli occidentali attraverso l'insegnamento che prende il nome di quarta via o via dell'uomo scaltro.

La quarta via è un sistema organizzato è strutturato di idee di cui l'enneagramma fa parte attraverso le quali è possibile leggere le principali manifestazioni del cosmo (frammenti di un insegnamento sconosciuto. P.D. Ouspenski).
Tutto questo ha ben poco a vedere con l'enneagramma delle personalità che conosciamo oggi o perlomeno a noi non sono giunti collegamenti tra l'enneagramma così come ci è arrivato da Gurdjieff. e l'enneagramma delle personalità.

Dobbiamo l'esistenza di questo nuovo sistema ad altri due studiosi. Mentre il primo Oscar Ichazo, ha lasciato poco di scritto a riguardo, è solo grazie allo psichiatra e psicoterapeuta cileno Claudio Naranjo se oggi questo strumento è raggiunto livelli di diffusione. La divulgazione di questo sistema risale alla seconda metà del secolo scorso iniziando come conoscenza di nicchia riservata a pochi (continuando in questa direzione con la visione di Ichazo), fino a diventare oggi fenomeno ormai Noto in tutto il mondo. 

Sembrerà strano ma l'enneagramma delle personalità ha poco a che vedere con la psicologia. Ciò di cui si parla e meccanica. L e nostre vite sono assoggettate una serie di meccanismi di causa ed effetto di cui per la maggior parte del tempo non siamo consci. Colui che osserva questo processo non può fare a meno di volersene liberare: è per questo che serve riconoscersi.

Come faccio a liberarmi dei miei automatismi se non le riesco a vedere? Solo quando gli avrò appresi potrò pormi la domanda cruciale ovvero "dov'è la mia libertà se, in risposta ad ogni evento della vita, reagisco in una maniera dettata dalla mia personalità, illudendomi di aver effettuato una scelta in parziale?"

Capisco che la formazione sia forte. Ma prima di contestarla ti invito a rifletterci sopra attentamente.
Ho potuto osservare su me stesso e su tante persone gli enormi benefici risultanti da rendersi conto della necessità di cambiare utilizzando questo strumento come appoggio in general. Se non è percepito l'esigenza di uno sviluppo enneagramma delle personalità rimarrà comunque uno strumento utile per conoscere meglio se stessi e gli altri. Tra i due obiettivi posti da questo libro, riconoscere la propria tipologia, lavorare su se stessi verso una crescita a partire dal punto precedente non tutti necessariamente vorranno applicare subito il secondo.

Per enneatipo si intende quella particolare tipologia comportamentale con le sue relative motivazioni di fondo. Questo sistema non riconosce il 9 principali tre sfaccettature di cui si parlerà ampiamente in questo testo quando la domanda precedente le più intelligenti che una persona possa fare sfondo cosa fare e nulla innanzitutto continuo a osservarti è l'unico sforzo necessario è quella di non raccontarsela è proprio solo attraverso L'osservazione in parziale onesta che la maggior parte dei cambiamenti in maniera quasi spontanea.

Scarica il Test per scoprire il tuo enneatipo

Luca Giorgetti - Enneagramma i 9 abitanti della Terra. 

LA COMUNICAZIONE

Nell’era delle “Società Liquide”, in cui l’esperienza individuale e le relazioni sociali si vanno decomponendo e ricomponendo rapidamente, in modo vacillante e incerto, fluido e volatile, anche la comunicazione segue il “flusso” divenendo sempre più effimera e a volte fine a sé stessa in maniera quasi autoreferenziale.

Oggi si comunica per comunicare, verrebbe da dire, per affermare la nostra presenza quasi afflitti dal timore di scomparire se costantemente non imponiamo la nostra presenza nei vari canali che la tecnologia, nelle vesti soprattutto dei social, mette a nostra disposizione.
Eppure questa continua ricerca di affermazione sortisce quasi l’effetto opposto, quello di renderci ancora più soli, più trasparenti e con identità, cultura, informazioni sempre più omologate e, con un termine provocatorio, poco significanti e di poco valore.

L’informazione viaggia a ritmi forsennati, impossibile da fermare e trattenere,
e travolgendoci e cogliendoci nell’impossibilità di trasformare i messaggi in primi passi per sviluppare culture nostre e autonomie intellettuali che dovrebbero integrarsi ed ispirarsi vicendevolmente. Ci troviamo di fronte invece a contrapposizioni continue, integralismi e superficialismi pericolosi poiché
custodiscono in sé il seme dell’intolleranza, della chiusura e della competizione scriteriata.

 

A tutto questo vuole fare fronte il Personal Care Project che considera la Comunicazione come un campo di sperimentazione e innovazione con l’unico intento di unire e non dividere, orientare e non disperdere, sintetizzare senza banalizzare, creare e non distruggere. Il messaggio della nostra comunicazione infatti è quello di rivitalizzare il senso di appartenenza su principi e valori antichi strettamente connessi al rispetto dell’identità, della relazione e dell’ambiente che ci ospita.

L’utilizzo delle nuove tecnologie diventa così un’opportunità per arrivare a più persone evitando però l’intossicazione e la dipendenza da una comunicazione fine a sé stessa; crediamo infatti nel “fare silenzio” come valore comunicativo, punto di partenza per una comunicazione efficace, in primis con noi stessi per riconoscerci, ascoltarci e per poi incontrare l’altro in un terreno fertile, costruttivo e di mediazione.

Solo quando impareremo ad accogliere noi stessi potremo accogliere l’altro nella sua diversità e creare uno spazio nuovo sviluppando un’opportunità di relazione e di contatto autentico.

Comunicare è navigare, è creare...e la creazione è vita:
questo il messaggio principe della nostra comunicazione.

Comunicazione come ricerca di autenticità per ritrovare la specificità di cui ogni esistenza è portatrice e del valore di ogni vita intesa nella sua differenza 
che può diventare ispirazione. In estrema sintesi Personal Care Project ha nelle sue intenzioni più nobili quella di diventare un porto in un mare senza lidi, un punto di arrivo, di incontro e di scambio ma soprattutto un punto di partenza in cui l’informazione, la cultura, i Saperi diventino gli strumenti di 
navigazione per orientarsi e raggiungere gli obiettivi che ognuno di noi in cuor suo ha.

Il Personal Care Project è un progetto che poggia le sue fondamenta sul concetto di Sana Relazione. Ma cosa determina una Sana Relazione?
Riteniamo che la risposta sia una Comunicazione efficace e che un’efficace Comunicazione sia innanzi tutto un atto di Ascolto: un ascolto verso se stessi e poi verso gli altri. Un atto di Amore racchiuso nell’intenzione di trasmettere valori che uniscano e non dividano. La Forma diventa così Forma d’Arte capace di svelare quella che è la vera essenza di una comunicazione efficace e di relazioni positive cioè Comprensione ed Empatia. Diventa quindi fondamentale in quest’ottica la capacità di mettere in rapporto mondi diversi evidenziando le affinità tra gli individui e le conoscenze per creare una comunità reale che si identifichi in un insieme di nuovi valori condivisi.

Esattamente questi valori e la loro condivisione sono il messaggio della nostra Comunicazione, valori che in questa particolare società sembrano essere stati smarriti e che determinano la perdita di senso, quel senso che ha lo scopo di rendere ogni vita, ogni esistenza dignitosa e piena, fondata sul rispetto di noi stessi e degli altri e dell’ ambiente che ci circonda.

I valori di cui parliamo sono il rispetto, la cultura, la conoscenza, la consapevolezza, il benessere del corpo, della mente e dell’anima, la riscoperta della Natura, del Bello, il piacere di vivere in armonia con noi stessi e con ciò che ci circonda, il ritorno al “Essere” a discapito del “Avere”, il piacere di condividere, l’empatia verso le vite altrui siano esse umane, animali o vegetali, il piacere di contribuire attivamente all’evoluzione delle nostre vite e a quelle degli altri perché solo una vita che si vive nel donare e nell’Amore è una Vita realmente gratificante.

ECONOMIA ETICA

Cercando la definizione di Economia troverai qualcosa del tipo “l’organizzazione dell'utilizzo di risorse scarse attuata al fine di soddisfare al meglio bisogni individuali o collettivi”. Aggiungere a questo la parola etica significa rimettere al centro di questa dinamica l’uomo e, in base a questo, ridefinire i parametri.

Parlando di bisogni dell’essere umano dobbiamo considerare che solo parzialmente sono di tipo materiali e che la ricerca più profonda riguarda il raggiungimento di un benessere intangibile (fatto ad esempio di attenzione, riconoscimento, cura, …) e la soddisfazione della spinta più profonda che ci guida nell’agire quotidiano.

Le aziende sono quindi chiamate ad attuare un reale scambio di valore con i propri clienti tenendo conto sia della parte tangibile che di quella intangibile della propria offerta. I nostri obiettivi come individui, inoltre, sono sempre più interconnessi a quelli della società nella quale siamo integrati e dell’ambiente nel quale viviamo.
La soddisfazione degli uni a discapito degli altri non è più sostenibile!

L’azienda diventa quindi un attore a servizio del bene comune e il suo successo può contribuire attivamente al benessere non solo di tutti i portatori di interesse [stakeholder: clienti, fornitori, banche, azionisti, collaboratori e dipendenti, gruppi di interesse locali, istituzioni] ma anche dell’intera società e avendo cura del pianeta nel quale viviamo.

Gli imprenditori più illuminati hanno già capito che rimettere al centro del business le persone non solo è cosa buona e giusta, ma consente di ottenere risultati migliori e più duraturi nel tempo! Questa maggiore consapevolezza riguardo l'importanza di un approccio etico all’economia richiede a ciascuno di noi una visione più responsabile, il coraggio di mettersi in gioco e volontà di contribuire al cambiamento.

Come esseri umani, portatori di valore, possiamo contribuire, attraverso il nostro agire quotidiano, ad evolvere le dinamiche del mercato: ad esempio nell’acquisto (verificando cosa stiamo comprando e da chi), nella vendita (con un approccio orientato alla piena soddisfazione di bisogni e desideri del cliente), nella produzione (rispettando tutti gli attori che contribuiscono alla realizzazione di prodotti e servizi), nella gestione delle relazioni interne (curando i contatti con colleghi e collaboratori).

SEI CURIOSO DI APPROFONDIRE QUESTI ARGOMENTI?

Chiama, scrivi una mail, lascia un messaggio nel form.





Rimani aggiornato sulle attività, iscriviti alla newsletter!

Personal Care Project